Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 178 —

tratto un altro grido rispose più vicino, nel buio fitto della Rocca. Erano certo segnali d’allarme e richiami che facevano agghiacciare il sangue nelle vene.

— Volete sapere che faranno? — scattò a dire Sidoro concitato. — Io direi di metterci le gambe in spalla, sentite a me, signori miei! Pensiamo a salvare la pelle finchè c’è tempo.

— Che ne fo della pelle, se non mi resta altro? — gli rispose il povero padrone suo che si vedeva sull’orlo del precipizio.

— Almeno chiudiamo il portone?

— E la mia zolfara ch’è lì fuori, bestia?

— Ah, per me.... se vengono.... — brontolò Sidoro.

Rametta fu il solo che non perdesse la testa in quel trambusto.

— Lasciateli venire — disse fre-