Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 36 —

portarvi i denari. Ma è un cane peggio degli altri — rispose l’altro accennando al notaio colla coda dell’occhio. — Dice che se non ve li presta Rametta, ora che imparentate con lui, significa che non c’è cautela sufficiente.... Provate a parlargli voi.

Il notaio che stava coll’orecchio teso, intanto che faceva il galante colle dame, volle parare la stoccata:

— Chi è che s’aspetta adesso?

— Lo sposo, nientemeno! — rispose ridendo la marchesa.

— Mandatelo a chiamare. Sta qui di faccia....

Don Rocco, premuroso, s’alzò subito per correre a quella tale finestra che aveva detto; ma il barone, sempre più imbarazzato, ricominciò a scusarsi:

— Mi dispiace, signori miei....