Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 46 —

alle nozze di casa Navarra, mal vestiti, mal pettinati, lui con un soprabitino che sembrava preso a prestito, e l’aria giovialona che gli apriva tutte le porte.

— E permesso? Si può? Mira o Norma, ai tuoi ginocchi....

— Oh, cavaliere! Siete voi lo sposo? — chiese il marchese ridendo.

— Ah, no! Non ci casco più! Mi bastano questi cari pargoletti.... Mira o Norma, ai tuoi ginocchi.... Non ci fu verso di tenere a casa i due più grandicelli appena sentirono l’odore del trattamento.... — A quel punto sgranò gli occhi in faccia ai pargoletti perchè non ne facessero qualcuna delle solite. — Voialtri sedete lì, e non toccate niente, se non ve lo dicono. Scusate, caro cugino....

— Anzi! anzi! — rispose il povero don Mondo che aveva tutt’altro