Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134 Don Candeloro e C.i


Mi chiudo in casa mia anch’io, e stiamo a vedere. Niente. Non passa un cane. La pace degli angeli da queste parti. Soltanto lassù che si divertono sempre a cannonate. — Buon pro vi faccia! — Tanto, qui il sangue non arriva, quando vi sarete accoppati tutti. — Poteva essere mezzogiorno, a occhio, chè il sagrestano non si arrischiava certo sul campanile quella volta. Quasi quasi m’arrischio a mettere il naso fuori di nuovo, quand’ecco, crac, il tetto dei Minola che rovina, e poi un altro, lì a due passi. Le palle ci piovono sui tetti, adesso!

Che vedeste! Chi è rimasto a fare il bravo va a cacciarsi sotto il letto. Altri che s’erano rintanati nelle cantine o in qualche buco, saltano fuori all’impazzata. Pianti, grida, un baccano d’inferno. Io andavo correndo di qua e di là per la casa, senza sapere dove ficcarmi, talmente ogni colpo me lo sentivo fra capo e collo. — Aiuto! — Cristiani! — gridavano le Proscimo. C’è cristiani e turchi in quel momento? Maledette donne che ce li tirano addosso, ora! Eccoli infatti che arrivano, prima dieci, poi venti, poi, che vi dico? un fiume. Soldati e poi soldati che si vedono passare dal buco della chiave, per più di un’ora, a piedi, a cavallo, con certi can-