Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search







Era venuta dopo, alla povera Agnese, la vocazione di prendere il velo, quando la sua famiglia, caduta in rovina, fu costretta a farla monaca per darle un tozzo di pane.

Prima era destinata al mondo. A casa sua filavano e tessevano la biancheria pel corredo di lei, mentr’essa terminava l’educandato a Santa Maria degli Angeli. Suo padre, Don Basilio Arlotta, l’aveva già fidanzata col figliuolo del dottor Zurlo, un partitone che faceva gola a tutte le mamme del paese, malgrado la bassa nascita. Bel giovane, bianco rosso e trionfante, egli faceva l’innamorato con tutte quante le ragazze. Com’era figlio unico, e Donna Agnesina Arlotta avrebbe portato la nobiltà nei Zurlo, s’era lasciato fidanzare a lei, e aveva preso gusto anche