Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Le marionette parlanti 29




Mai e poi mai don Candeloro si sarebbe aspettato un tradimento così nero. Proprio nel meglio della stagione, quando il pubblico cominciava ad abboccare, e da otto giorni che erano arrivati in paese, e avevano piantato le assi nel magazzino dell’arciprete Simola, s’intascavano soldi colla pala, e ogni sera si cenava! Fu allora che Martino e la Violante, sentendosi la pancia piena, sputarono fuori il veleno, e gli appiopparono il calcio dell’asino, la sera che il pubblico affollavasi in teatro per la continuazione delle imprese di Guerin Meschino alla ricerca della Fata Alcida, e prevedevasi più di venti lire d’incasso.

La moglie di don Candeloro, che da qualche tempo aveva dei sospetti e teneva d’occhio la figliuola, la sorprese tutta sossopra, dietro a Martino, il quale insaccava della roba. Violante, colta sul fatto, le si buttò ai piedi piangendo, come la Damigella di Pacifero Re del Porchinos, quando svela il suo fallo al genitore.

— Ah, scellerata! — strillò la madre. — Cos’hai fatto? Tuo padre ora v’accoppa tutt’e due!