Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 8 —


Il marito sorrise — sorriso grottesco su quel viso impassibile — e rispose tranquillamente:

— Per voi.

La marchesa si passò il fazzoletto sulle labbra.

— Galli aveva lo scilinguagnolo un po’ sciolto e pretendeva avervi vista alla Scala, in dominò, nel palco del mio amico Armandi.

— Eravate a cena?

— Sì.

— Ah, vi battete per un cattivo scherzo da dessert! — diss’ella sorridendo amaramente.

Il marchese la guardò fiso. Poscia coll’aria più indifferente del mondo, prese un dominò ch’era sulla seggiola più vicina, lo buttò sul canapè, e sedette di faccia a lei. — Perdonatemi, soggiunse; non potevo lasciar calunniare mia moglie.

Ella s’inchinò, troppo profondamente ed ironicamente forse, e perciò tutto il sangue le corse al viso:

— Tutti sanno che Galli è geloso di voi perchè gli avete rubato l’Adalgisa!

— Lo sapete anche voi? rispose il marchese accavallando l’una gamba sull’altra.

— Scusatemi, debolezze di donne! diss’ella un po’ pallida, e cercando di sorridere.

— E di uomini, se volete; aggiunse il marito con galanteria.

Ci fu un istante di silenzio: ella giocherellava collo sparato del suo corsetto; egli dondolava la gamba posta a cavalcioni: evitavano di guardarsi.