Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 151 —


La contessa ammutolì di nuovo. Infine ella gli prese la mano, e gli disse dolcemente con voce commossa:

— Io non vi amo, non posso amarvi, e non vi amerò giammai. Dopo quel ch’è stato fra di noi non possiamo esser altro che amici. — Volete?

Ei strinse la mano ch’ella gli porgeva, senza avere il coraggio di dire una sola parola.

Il giorno dopo Alberti era andato a dire addio alla contessa. Nel momento di lasciarsi ella gli domandò:

— Verrà a trovarmi sul lago?

— Sì.

— Non manchi. Venga fra il 15 e il 20 d’agosto.

E dopo alcuni istanti:

— Adesso cosa farà? Rimarrà a Firenze quest’estate?

— Non lo so.

— Vada in campagna, ai bagni, viaggi. Ella ha bisogno di distrarsi, dia retta alla sua amica.... e sopratutto cerchi d’innamorarsi ma con giudizio, veh! tanto da non perderci la testa.... Addio.