Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 159 —

il penetrante, e si diede da fare per rassettare gli oggetti che erano sulla tavola.

— La sera è bella? domandò poscia senza pensare a quel che diceva.

Ei volse gli occhi alla finestra spalancata, che incorniciava il più bel chiaro di luna, e rispose:

— Bellissima.

— È stato sul lago oggi?

— Son venuto in barca, gliel’ho detto.

Il discorso, privo d’alimento, cadde del tutto. La contessa si guardava attorno, come cercando un pretesto per rompere quel silenzio.

— Sul tavolino ci son dei sigari, gli disse; fumi pure, siamo in campagna.

— Grazie.

— Mi racconti: che c’è di nuovo? Cosa si dice a Bellagio?

— Si dice che i bigatti vanno benone.

— Ah! Avremo della seta a buon mercato, dunque?

— Certamente!

— Che fortuna!

Improvvisamente l’uscio s’aprì, ed entrò correndo una graziosa bambina di quasi cinque anni, che andò a buttarsi nelle braccia della contessa.

— Adagino, cara! esclamò la madre baciandola. Cosa dirà il signore di una damigella che entra così all’impazzata?

La bambina si volse a guardare il signore coi grand’occhi timidi e curiosi. Alberto le disse cingendola colle braccia: