Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 181 —


Ella chinò il capo.

— Che bel lavoro! disse Alberto poco dopo.

— Vi piace?

— Moltissimo. È un lavoro per uomo?

— Sì.

— E... senza essere indiscreto?...

— Nessuna indiscrezione, mio caro; rispose l’Armandi sorridendo; anzi quel che c’è di più legittimo: è per mio marito.

— Oh!... proprio un regalo da nozze! diss’egli adenti stretti.

La contessa sorrise senza alzare gli occhi dal ricamo, e arrossì lievemente. Ei cavò l’orologio e si alzò.

— Addio, gli disse la contessa Armandi stendendogli una mano, mentre coll’altra contava i punti del disegno.

Alberto le strappò il ricamo, e lo stracciò.

— Marchese Alberti! esclamò l’Armandi rizzando il capo, altera, corrucciata e imponente.

Il marchese fece barcollando due o tre passi verso l’uscio, si arrestò sulla soglia, ed esclamò torcendosi le mani:

— Ah! come son vile!

— Siete un pazzo!

Gli volse le spalle, andando verso la finestra; e poscia, volgendosi vivamente verso di lui:

— Siete geloso di mio marito?

Alberto impallidì.