Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 227 —


— Sì.

— Anche dopo il mio tradimento?

— Sì.

Ei rimase pensieroso.

— Cugina mia, disse ad un tratto, con tutt’altro accento e con satanica disinvoltura; io non ho più capelli; nè illusioni; ho quarant’anni e trentadue mila franchi di debiti.

Dapprima Adele rimase come fulminata, cogli occhi sbarrati, quasi ad afferrare il senso di quelle parole che non poteva capire. Tutt’a un tratto si fece rossa come se Alberto l’avesse percossa in viso col frustino.

— Ah! gridò. — Ah!

E fuggì di carriera.