Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 229 —


Sul volto di lui passò un fosco sorriso.

— Ma se avessi una figliuola di 16 anni, bella, ingenua, pura, con tutti i tesori del cuore e dello spirito, ve la darei in moglie.

Dapprima ei le lanciò uno sguardo di sorpresa; ma poscia, in un altro tono:

— Disgraziatamente non l’avete!

— Lasciate quel cattivo sorriso che fa male a voi e a me!... Perchè siete dunque venuto, Alberto?

Egli esitò alquanto. — Non lo so; disse alfine. È la prima volta che non basto a me stesso.

Quelle parole sembrarono colpire la donna; gli lanciò uno sguardo rapidissimo, e si fece rossa. Poscia ripetè dolcemente:

— Se avessi una figliuola ve la darei; ella vi metterebbe in cuore la sua fede, il suo affetto, i suoi santi entusiasmi, vi rinfrancherebbe lo spirito, vi farebbe rinascere.

— Non esitereste a dare la figliuola vostra a me?

— No.

— Ora che sono così cambiato? aggiunse con un sorriso ironico.

— Appunto perchè siete così!

Ei le fissò gli occhi negli occhi.

— Perchè non fate voi cotesto?

— Io non più 16 anni, non ho più la fede e fra di noi c’è un triste passato.

— Sia! diss’egli.

E si mise ad attizzare il fuoco. Rimasero silenziosi