Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/294

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 290 —


— Non abbiate paura! diss’egli.

— Paura? rispose il vecchio stringendosi nelle spalle.

Un brivido corse per tutto il corpo della moribonda. Alberto prese quasi macchinalmente il crocefisso ch’era a capo del letto, e lo mise fra le mani agghiacciate di lei — il viso si profilò, i muscoli del mento e della bocca si rilasciarono — e rimase immobile.

Ei la guardò, si chinò su di lei, si rialzò lento lento, lasciò dolcemente le mani che stringevano ancora le sue, e fece un passo indietro.

Il medico gli prese la destra.

— Dottore, domandò Alberto con calma spaventevole crede che si possa amare un cadavere?

E senza aspettar risposta:

— Come va che amo questa povera morta assai più di quand’era bella al pari di un angelo?

— O cosa ci ha a fare la bellezza? rispose il buon medico un po’ scandolezzato.

— Dunque!...