Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 31 —

e che vaghi rossori fuggitivi le passassero, con una trasparenza alabastrina, sul bel viso che teneva chino, e sul collo delicato.

S’erano seduti sotto il pergolato. Ella gli parlava con quella dolce favella della fanciulla toscana che somiglia a cinguettio d’uccelletto; sorrideva, arrossiva, giocherellava cogli sgonfietti del suo vestito e colle foglie del pergolato; era tutta festante, e si voltava ad ogni momento per veder comparire Velleda che non veniva mai. Le ombre delle frondi sembravano accarezzarla alternando la luce sul suo viso; il venticello, di tanto in tanto, faceva strisciare leggermente il lembo della sua veste sui piedi di lui. Egli respirò con forza, quasi con voluttà, e sorrise; ella respirò del pari e sorrise. — O perchè? gli domandò ancora sorridente.

— Sento allargarmisi i polmoni.

— È l’aria montanina.

— Come fa bene!

— Non è vero? e si tacquero.

— Ti piace la campagna? riprese ella poco dopo.

— Sì.

— Ci starai volentieri?

— Volentierissimo.

— A me piace tanto! esclamò ella battendo le mani tutta sorriso.

— Ti piace stare a guardare la luna dalla finestra? domandò tutt’a un tratto e bruscamente il cugino, come rispondendo ad un pensiero insistente.

— Sì....