Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 40 —

mante. La fanciulla, un po’ rassicurata nel vederlo così commosso, rispose ingenuamente:

— Andiamo in giardino.

— No.... stanotte, quando tutti saranno a dormire.... allorchè sentirai picchiare tre colpi alla tua finestra.... sarò io....

Ella sorpresa stava per domandargli la ragione di tutti quei misteri che non capiva, quando Alberto la interruppe vivamente:

— Zitta! ci osservano!

E tirò di lungo colla guardinga disinvoltura di un cospiratore da melodramma.

Velleda s’era fermata ad aggiustarsi un nastro, e lo zio Bartolomeo in quell’istante era tutto intento a far vedere ai suoi ospiti che la sera era bellissima.


Alberto afferrò Gemmati per mano, al momento in cui stava per ritirarsi nella sua camera, e lo condusse seco in giardino.

— Stanotte le parlerò! gli disse all’orecchio con voce soffocata.

Gemmati si fermò a guardarlo sorpreso, e gli rispose dolcemente:

— Perchè cotesta pazzia? Non la vedi sempre? Non puoi parlarle quando vuoi?

— No!... non è la stessa cosa.... Tu non m’intendi.... non puoi intendermi.... non l’ami come io l’amo.... L’hai vista? Com’è bella! non è vero?

— Sì, è un angioletto.