Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 62 —

nese. Anche Alberto sorprese sè stesso a seguire la direzione di tutti gli sguardi, e fissava lungamente la contessina; poscia, inquieto, cercò cogli occhi l’Adele.

Velleda stava presso l’étagère, circondata dai più eleganti giovanotti, come una cerbiatta attorniata da una muta di cani; ma la cerbiatta teneva testa da tutte le parti, col brio, col sorriso, con una parola, con un gesto, spiritosa, caustica, leggiadra e impertinente. Due o tre volte volse a caso gli occhi su di Alberto, e ad un tratto gli fece segno col ventaglio di avvicinarsi; prese il braccio di lui e si allontanò.

— Non ne potevo più! disse ridendo.

Il povero giovane si sentiva tutto sossopra.

— È naturale che tutti le facciano la corte.... balbettò.

— Vorrebbe farmela anche lei? diss’ella con un accento e un sorriso singolari.

Alberto ammutolì, e a lei il sorriso morì sulle labbra. Passeggiavano lentamente per le sale, ella battendo col ventaglio il tempo di un valzer che suonavano.

— Com’è bello! esclamò Alberto.

— È Strauss, rispose ella distratta.

— O perchè non si balla un giro?

— A proposito della corte? — diss’ella sorridendo.

Alberto volle sorridere colla medesima disinvoltura, ma ci riescì assai male.

— Ebbene.... disse; sì!

— No! rispose ella col medesimo tono, ma un po’ più recisamente.