Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 77 —


— È innamorato dunque?

— Anch’ella ci viene senza far dei versi, nè essere innamorata...

— Come lo sa? domandò con un sorriso che lo scombussolò del tutto.

— Ma...

— Non posso essere innamorata di mio marito.... o della mia Zelia, aggiunse con quel risolino mordente e leggiadro, guardandolo ardita e civettuola, e giocando col pomo del frustino fra i crini della cavalla.

— Però, riprese, ella che non ha nè marito, nè Zelia, amerà la bionda, o la bruna. — Quale delle due?

Il giovane arrossì, volle negare, e rimase imbarazzato. La contessa stava a guardarlo col gomito sul ginocchio, la guancia sulla palma, e una provocante ironia negli occhi.

E dopo averlo ascoltato così fra ironica e motteggiatrice soggiunse con una gran serietà:

— È vero! Ella è troppo giovane per amare la bruna, e non amerà la bionda che per un quarto d’ora. Ella non ama che la sua giovinezza — e la donna allo stato di nebulosa. — Addio. Quando avrà bisogno di un buon consiglio venga a trovarmi; così m’avrò la sua visita che aspetto da un pezzo.

E spronò Zelia, senza dare il tempo ad Alberto di balbettare le scuse che gli si leggevano in volto. Poi arrestò di botto lo slancio della cavalla, e rizzandosi sulla staffa con piglio grazioso ed ardito, si voltò indietro, e gli disse da lontano: