Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 88 —


— Vorrei parlarvi! disse finalmente lo sciagurato con voce sorda.

La contessina chiuse il libro tranquillamente, levò su di lui gli occhi sereni:

— Sto ad ascoltarvi.

— Vorrei parlarvi da solo, stanotte, in giardino! ripetè Alberti coll’ostinazione quasi minacciosa di uno che stia per ismarrire la ragione.

— È matto? diss'ella freddamente.

Le labbra del giovane si fecero smorte, e tremarono due o tre volte senza poter proferire parola: — Sì, credo d’esser matto davvero!

— Ma io non lo sono, signore!

Alberto guardò Velleda in tal modo che ella, in un salotto pieno di gente, ebbe paura.

— Sarete cagione di qualche disgrazia!

— Io?

— Voi! rispose con fermezza, guardandola fiso.

— Ma sa quel che mi propone, signore? disse la giovinetta con fierezza.

— Ho bisogno dì parlarvi, stanotte! insistè Alberto con spaventosa tenacità.

Adele entrava in quel momento da un uscio accanto al piano, e udì quelle parole come se un demone gliele avesse incise nel cuore coll’artiglio. Ella si appoggiò all’uscio prima d’entrare; ma nella più debole fanciulla ci son miracolose energie, ed ebbe la forza di mostrarsi calma allorchè sollevò la tenda. Alberto insisteva collo sguardo senza avvedersi di lei.