Pagina:Verga - Novelle, 1887.djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

del castello di trezza 243

perchè egli possa starle sempre vicino senza dar da ciarlare ai vostri nemici.

Il barone aggrottò le ciglia, e rispose:

— Amici e nemici mi conoscono abbastanza perchè nè la cosa nè le ciarle siano possibili.

Sugli occhi della donna lampeggiò un sorriso da demone.

— E poi, aggiunse Don Garzia, vi stimo abbastanza per temere che voi, nobile e fiera, possiate scendere sino ad un paggio. E buttandole galantemente le braccia al collo accostò le sue labbra a quelle di lei. Ella, bianca come una statua, gli rese il bacio con insolita energia.

Nondimeno, malgrado l’alterigia baronale, e la fiducia nella sua possanza, Don Garzia era tal vecchio peccatore da non dormir più tranquillo i suoi sonni una volta che gli era stata messa nell’orecchio una pulce di quella fatta, e, andato a trovar Corrado:

— Orsù, bel giovane, gli disse, eccoti