Pagina:Verga - Novelle, 1887.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 le storie

fissandolo con occhi stralunati. — Che m’hai fatto?... Ebbene, cosa vuoi ancora? cosa sei venuto a fare?

— Son venuto a dirvi che vi amo! diss’egli senza entusiasmo e senza amarezza.

— Tu! esclamò la baronessa celandosi il viso fra le mani.

— Perdonatemelo, Madonna! aggiunse il paggio sorridendo tristamente, — cotesto amore che vi offende lo sconterò in un modo terribile.

— No! diss’ella con voce delirante. Non voglio che tu muoia, non voglio più amarti, e non voglio rivederti mai più!... no! no! vattene!

Egli scosse il capo rassegnato. — Andarmene? È tardi, il ponte levatoio è tirato, e il barone mi ha detto che questa sera non avrebbe voluto trovarmi più qui. Bisognava che io arrischiassi qualche cosa per vedervi un’ultima volta, così bella come vi ho sempre dinanzi agli occhi, e che io