Pagina:Verga - Novelle, 1887.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 le storie

quella mano che l’avea perduta per aiutarla, e cadde con lui nell’abisso.


A Trezza si dice che nelle notti di temporale si odano di nuovo dei gemiti, e si vedano dei fantasmi fra le rovine del castello.









FINE.