Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 112 —


— Sì, da venti giorni.

— E per dove?

— Per Napoli.

— Anderò a Napoli! — disse a sè stesso Brusio.


VI.


Parecchie settimane dopo, in Napoli, ad una delle serate che dava il barone di Monterosso, noi ritroviamo Narcisa, accompagnata dal marito e dal giovanotto ufficiale di cavalleria negli Usseri, che abbiamo incontrato con lei a Catania. Il sottotenente, che apparteneva ad una delle più nobili famiglie del Napoletano, l’avea presentata ad una signora di mezza età, la quale recava con tutta disinvoltura gli occhiali sul naso, appartenente anch’essa alla più alta società e che col suo ingegno si è fatto un nome che comincia ad esser celebre anche fuori d’Italia. Le due donne, l’una circondata e adulata pel potere dei suoi vezzi, l’altra pel prestigio del suo nome, sedevano l’una presso all’altra su di un canapè, accerchiate da uno stuolo di cortigiani.