Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 142 —

accomodato benone le cose, e aver perfino ringraziato lei.

Sarei dispiacentissimo però, signore, ove ella, senza volerlo, le avesse reso un servigio che sarà male accolto dalla signora.

— Male accolto!?... e perchè?

— Giacchè il conte n’è uscito illeso, cosa deve importare di me, di uno sconosciuto, a quella signora? E come dovrà accettare che lei vada a dirle: Ho stretto da parte vostra la mano a quell’uomo che ha avuto la scortesia di rifiutarvi un sommo favore (poichè non è provato ch’io abbia risparmiato il conte) e che è andato a scaricare la sua pistola contro il petto di vostro marito?

Il vecchietto rimase un momento confuso, come colpito da quella riflessione; ma poco dopo riprese vivamente, quasi trionfante:

— No, no! son sicuro del fatto mio. Lei non conosce la bell’anima di Narcisa; ella sarebbe desolatissima se il minimo accidente le fosse accaduto... L’ho udita con questi orecchi esclamare, torcendosi le braccia: Mio Dio! se quel giovane morisse... per me!.

— Ella ha detto questo?! — esclamò Pietro quasi fuori di sè...