Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 145 —


— Addio, caro signore.

— Oh, come mi sarà grata la contessa! come creperanno d’invidia, quegli altri giovanotti, quell’ufficialetto di cavalleria pel primo!... Addio, caro amico.

Uscì a ritroso, inchinandosi; e Pietro, lasciando cadere la portiera dietro di lui, non potè fare a meno di ridere della trista figura che la sciocca presunzione faceva fare a quel seduttore di 58 anni.

A mezzogiorno il conte rientrò in casa e domandò della moglie.

— La signora contessa è uscita in carrozza, — rispose il suo cameriere.

— Uscita diggià! — esclamò il conte con qualche sorpresa.

— Ed ha lasciato pel signore questo biglietto.

Il conte non dissimulò un movimento di collera, ed esitando ad aprire la lettera, disse bruscamente al domestico:

— Va bene! lasciatemi.

Il biglietto di Narcisa era semplicissimo:

«Lascio questa casa perchè sento che è impossibile rimanere uniti più oltre — Sento troppo altamente i motivi che mi spingono