Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 20 —


— Io? — rispose bruscamente Pietro, come destandosi di soprassalto, — e perchè fare?

— Bella risposta! che pure non avrebbe avuto l’opportunità di venir fuori oggi, se tu l’avessi data a te stesso il giorno, o piuttosto la sera, che ti venne in mente di accalappiare colle tue commedie quella poveretta.

— Credo che tu abbi ragione in quanto alla risposta; e che tu dica una bestialità, ciò che fai spessissimo, in quanto a quello che mi vai cantando di accalappiamenti e di poverette...

— Pietro...

— Lasciami tranquillo, ti dico!... Ci credi sul serio dunque che a quest’ora Maddalena, la piccina, come la chiami, pianga e si disperi perchè non le scrivo più, perchè la sera, onde aspettarla sotto il verone, non rischio più di farmi gettare delle immondezze sul capo da qualche serva maligna, che finga di non vedermi, e perchè non do più lo spettacolo ai vicini, che si mettono ad origliare dietro le imposte, di quelle freddure che si ricantano sempre sullo