Pagina:Verga - Vita dei campi, Treves, 1897.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 11 —

ragazza fingeva di non accorgersi, poichè la nappa del berretto del bersagliere gli aveva fatto il solletico dentro il cuore, e le ballava sempre dinanzi gli occhi. Come il babbo mise Turiddu fuori dell’uscio, la figliuola gli aprì la finestra, e stava a chiacchierare con lui ogni sera, che tutto il vicinato non parlava d’altro.

— Per te impazzisco, diceva Turiddu, e perdo il sonno e l’appetito.

— Chiacchiere.

— Vorrei essere il figlio di Vittorio Emanuele per sposarti!

— Chiacchiere.

— Per la Madonna che ti mangerei come il pane!

— Chiacchiere!

— Ah! sull’onor mio!

— Ah! mamma mia!

Lola che ascoltava ogni cosa, nascosta dietro il vaso di basilico, e si faceva pallida e rossa, un giorno chiamò Turiddu.