Pagina:Verginia.djvu/35

Da Wikisource.

S E C O N D O. 16

     Io vo pensare alla mia salvatione,
     Crepi pur lui se sà, & venga meno;
     La lettera m’ha dato porterone,
     Ma chi sà se la serpe io porto in seno?
     Prima ch’io la presenti non mi lice
     Aprirla, & veder ben quel ch’ella dice?


Epistola del Principe a Camilla.


Prin.S’Io potessi salvar mia vita afflitta
Senza el soccorso de tuo dolci lumi,
     Non saria questa a te piangendo scritta:
Ma perche giorno & notte mi consumi
     Con virtù rara, & bellezza suprema
     Da fare e monti gire, & stare e fiumi;
Prima ch’io giunga amando a l’hora estrema
     Forza è ti scriva, & scrivendo el tuo nome
     Piangon gliocchi, arde l’alma, & la man trema:
Et prego te per le tue aurate chiome,
     Pe potenti occhi, & pel candido petto,
     Ch’amor m’ha nel cor scritto, & non sò come,
Che legga questa con piatoso aspetto,
     Che vita dia: se di quella son degno:
     A me tuo fido, & devoto suggetto:
Che lasci ogni superbia, ogni ira, & sdegno;
     Non presontion, ma tormento infinito
     Mosso han la penna, e ’l lagrimoso ingegno:
Et se troppo animoso amar t’invito
     Incolpa donna tua bellezza altera