Pagina:Versi del conte Giacomo Leopardi.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 33 )

Intanto io per te piango, o donna mia,
     Che m’abbandoni, ed io solo rimango
     Del mio spietato affetto in compagnia.
Che penso? che farò? di chi mi lagno?
     Poi che seguir nè ritener ti posso,
     Io disperatamente anelo e piagno.
E piangerò quando lucente e rosso
     Apparrà l’oriente e quando bruno,
     Fin che ’l peso carnal non avrò scosso.
Nè tu saprai ch’io piango, e che digiuno
     De la tua vista, io mi disfaccio; e morto,
     Da te non avrò mai pianto nessuno.
Così vivo e morrò senza conforto.