Pagina:Versi del conte Giacomo Leopardi.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 67 )



IX


A l’udir la novella, si riscosse
    Il popol de’ ranocchi. Usciro in terra;
    E mentre consultavano qual fosse
    L’occasion de l’improvvisa guerra,
    Ecco apparir Montapignatte il saggio,
    Figlio del semideo Scavaformaggio.



X


Piantossi infra la calca, e la cagione
    Di sua venuta espose in questi accenti:
    Uditori, l’eccelsa nazione
    De’ topi splendidissimi e potenti
    Nunzio di guerra a le ranocchie invia,
    E le disfida per la bocca mia.



XI


Rubabriciole han visto co i lor occhi
    Giacer sul lago, ove l’ha tratto a morte
    Gonfiagote il re vostro. Or de’ ranocchi
    Quale ha più saldo cor, braccio più forte,
    Armisi e venga a battagliar con noi.
    Disse, si volse e ritornò tra’ suoi.