Pagina:Versi del conte Giacomo Leopardi.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 72 )



XXIV


Postami per dormire un pocolino,
    Ecco un crocchiare eterno di ranocchi
    M’introna in guisa tal, ch’era il mattino
    Già chiaro quando prima io chiusi gli occhi.
    Or quanto a questa guerra, il mio parere
    È lasciar fare e starcela a vedere.



XXV


Non saria fuor di rischio in quella stretta
    Un nume ancor. Credete a me: la gente
    Quand’è stizzita e calda, non rispetta
    Più noi ch’un becco, un can che sia presente.
    Disse Palla: a gli Dei piacque il consiglio.
    Così piegaro a la gran lite il ciglio.