Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




ALLA CONTESSA

GIUSEPPINA LAMPERTICO-VALMARANA

di vicenza

NEL SUO GIORNO ONOMASTICO

19 Marzo 1860.

___


     Quando ti miro della tua famiglia
Seder nel paradiso e de’ tuoi cari
     Fissando in volto l’amorose ciglia
4Divinarne i pensier dolci od amari:

     Quando ti miro a’ bei lavori intenta,
D’una lampa al chiaror, con un sorriso
     Costante sulle labbra e la contenta
8Anima tutta sfavillarti in viso;

     Donna, il tuo cor ben leggo. A te soave
L’inno non fora, che chiedesse al cielo
     Per te le perle che britanna nave
12Porta a fregiar delle regine il velo: