Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la religione materna. 135

     Più del cammino acquista,
E più nel sol che nasce,
L’avvalorata vista
Maravigliando ei pasce;
Già l’umil lampa obblia,
24Al cui santo splendor prese la via.

     Sul mezzodì procede,
E nel chiarore immenso
Spenta la lampa ei crede,
Perchè velata al senso.
Folle credenza! Eterno
30Vive il ricordo dell’amor materno.

     Al termin del sentiero
Sale a ponente un monte.
Il sol declina: in nero
Si tinge l’orizzonte.
A tremolar distinta
36Torna la fiamma ch’ei credeva estinta.

     Torna il bel raggio, e torna
Lontana ricordanza
D’una chiesuola adorna,
D’una solinga stanza,
Ove materna fede
42La lampa accese che al partir gli diede.