Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




A LODOVICO PASINI


SENATORE DEL REGNO.

___


     Quando dall’onda le nembose spalle
Sollevassero le Alpi, e di vulcani
3Tutta ardesse del Tevere la valle;

     Quando vagante pe’ deserti piani
Il vorticoso Eridano i maggesi
6A popoli impinguasse ancor lontani,

     Tu ben sai, Lodovico, a cui palesi
Splendono nel granito e nella lava
9Remotissimi giorni a noi contesi.

     Stanza in vero superba apparecchiava
Fra le chiostre de’ monti e la marina
12Che accarezzando la circonda e lava,

     Alla fatata sobole latina
Favorevole Iddio che il portentoso
15Albergo le munia come a regina.