Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/297

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

saffo a faone. 283


     Torna, torna, leggiadro, al palpitante
Mio sen! Non chieggio che tu deva amarmi;
141Soffri solo ch’io possa esserti amante.

     Scrivo; e l’impresse note a cancellarmi
Diffuso pianto dalle ciglia piove:
144Vedi che appena tu discerni i carmi.

     Che s’eri fermo omai girtene altrove,
Addio, Saffo, perchè non mi dicesti?
147Io non chiedea dall’amor tuo gran prove.

     Ah, non gli ultimi pianti e non avesti
Gli ultimi baci, o caro; ed io già scorti
150Non ho quai m’attendean fati funesti.

     Di me tranne l’ingiuria altro non porti;
Non un mio pegno, un mio vezzo non hai
153Che di memoria l’amor tuo conforti.

     Lassa! e ricordo alcun non ti lasciai;
Io sol detto t’avrei che tu volessi
156Ricordarti di me che vivo in guai.

     Per Amore io ti giuro, il qual non cessi
Giammai da’ nostri cori, e per le Muse
159Che de’ foschi miei giorni arbitre elessi;