Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/354

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
340 in morte di marco antonio dalla-torre.

    Recate voi, su via, recate alcuna
Gioia al mio Batto, e raddolcite a prova
141L’orrenda piaga che gli fe fortuna.

    Più di Sofia l’accento a lui non giova;
E l’arte delle lire animatrice
144Del suo core la via più non ritrova.

O Batto! E nondimeno l’infelice
Vate di Tracia, dopochè smarrita
147E lungamente pianta ebbe Euridice,

    Nulla trovò che la dolente vita
Più gli allegrasse d’imenei già schiva,
150Che delle Muse e di Sofia l’aita.

    Con lui qualor di Rodope saliva
Fra l’alte selve, o rade orme imprimea
153Per la strimonia taciturna riva,

    Venia compagna la pieria Dea;
E perita a sonar l’imposto verso
156Eburnea lira a tergo gli pendea.

    Misurava col guardo l’universo
Tutto e, suo fregio, il padiglion celeste
159Di mille lumi fiammeggiante e terso.