Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/404

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
390 la vita solitaria.


     Del monte in sulla falda
Un orticel piantato ho di mia mano,
Che quando april riscalda,
È tutto in fior, non vano
45Argomento di frutta al pio villano.

     Cupida che si accresca
Tanta beltà, dalla petrosa vetta
Precipita una fresca
Onda, che alla soggetta
50Piaggia romoreggiando il passo affretta;

     E poi tra pianta e pianta
Torcendo il corso, la solinga riva
Di bei fioretti ammanta,
E le vermene avviva
55Chinate e smorte dall’arsura estiva.

     L’antelucana brezza
Pregna d’odori aleggia in sul pendio
E gli arbori carezza
Con blando mormorio,
60Che di pompe e di scettri infonde obblio.

     Quei che la vita affida
A fragile vascel, l’oro contenti.
Non io, non io le grida
Udrò dell’ansie genti,
65Quando orribili in mar pugnano i venti.