Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/406

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




MARTINO.

___


dal siciliano di Giovanni Meli.

__


    L’uomo che vaneggiando esce di via,
Scosso dal collo l’amoroso freno
Della saggia natura,
Perde il polo di vista e va smarrito;
5E quanto più da quella si dilunga
Tanto perduto più si trova e sente,
Quando i folli pensieri
Gli dan tregua per poco e il van desio.
Richiamarsi colà donde partío.

    10Per qualche tempo illusïon gioconde
A lui saran gli splendidi palagi
Della città, le pompe, il lusso e gli agi;
Ma poi cresciuti in core
Sente gli affetti nequitosi e questi
15Crescer sente col crescere degli anni,
Della sua mente già fatti tiranni.