Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/408

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
394 martino.


              «Trovo fra questi aratri,
          Fra questi di verzura
          45Immensi anfitëatri
          La madre mia natura,

              Che con aperte braccia
          A sè mi alletta e chiama,
          E pinta sulla faccia
          50Mi mostra la sua brama:

              Che con benigno piglio
          A me si accosta e dice:
          Tutto ti diedi, o figlio,
          Per renderti felice;

              55Un cor pe’ godimenti;
          Ove virtù verace
          Agli onorati stenti
          Sposa diletto e pace.

              Legge ci trovi impressa
          60Che d’ogni legge è fiore,
          Scolpita da me stessa:
          Ama e raccogli amore.

              Legge che il core accresce,
          Allarga il tuo pensiero,
          65Che ti confonde e mesce
          All’universo intero.