Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

63

PER IL PRIMO CONGRESSO DEI DOTTI

TENUTO IN PISA NEL 1839.



Di sì nobile Congresso
     Si rallegra con sè stesso
                              Tutto l’uman genere.

Tra i Potenti della penna
     Non si tratta, come a Vienna,
                              D’allottare i popoli.

E per questo un Tirannetto
     Da quattordici al duetto
                              Grida: oh che spropositi!

Questo Principe toscano,
     Per tedesco e per sovrano,
                              Ciurla un po’ nel manico.

Lasciar fare a chi fa bene?
     Ma badate se conviene!
                              Via, non è da Principe.

Inter nos, la tolleranza
     È una vera sconcordanza,
                              Cosa che dà scandalo.

Non siam re mica in Siberia:
     Dio ’l volesse! Oh che miseria
                              Cavalcar l’Italia!

Qui, nell’aria, nel terreno.
     Chi lo sa? c’è del veleno:
                              Buscherato il genio!

Un’Altezza di talento
     Questo bel ragionamento
                              Faccia a sè medesimo: