Pagina:Viaggio sentimentale di Yorick (1813).djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
SENTIMENTALE
199



Madame de V*** non incontrava uomo vivente a cui non asserisse: «Che non aveva mai conversato con tanto profitto in sua vita».

Una francese riparte il proprio regno in tre epoche: nella prima è coquette — poi deiste — finalmente dévote: e durante quest’epoche il regno fiorisce sempre — e solo rimuta vassalli. Intorno all’anno trentesimo sesto suole per lo più spopolarsi di tutti gli altri schiavi d’Amore, e si ripopola a un tratto degli schiavi dell’Incredulità — a’ quali sottentrano le colonie degli schiavi della Chiesa.

Madame de Q*** stava in forse tra la prima epoca e la seconda: il colore di rosa smarrivasi alloramai a occhio veggente — e quand’io le feci la prima visita, fuggiva il quart’anno da che essa avrebbe dovuto appigliarsi al deismo.

Mi fe’ sedere seco sopra un sofà per disputare posatamente de’ punti di religione — madama insomma mi disse, che non credea nulla.

Risposi, che ov’ella pur s’attenesse in cuore a questi principj, io era nondimeno sicuro che non le tornava a conto di radere le fortificazioni esteriori senza le quali mi pareva miracolo, che una cittadella sì fatta potesse difendersi — che il deismo era pure la pericolosissima cosa per una