Pagina:Viaggio sentimentale di Yorick (1813).djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SENTIMENTALE 59

Quel giovinotto, mi disse l’oste, è benvoluto da tutto il paese; ogni cantuccio di Montreuil s’accorgerà ch’egli manca. Gran disgrazia per altro! continuò l’oste; ed è la sola ch’egli abbia: «È sempre innamorato» — Beato me! gli risposi — ch’io non avrò il fastidio di riporre le mie bracheFonte/commento: 274 sotto il guanciale1. Queste parole erano più a lode mia, che di La Fleur. Vissi innamorato sempre or d’una principessa or d’un’altra; e così spero di vivere fino al momento ch’io raccomanderò il mio spirito a Dio; perchè la mia coscienza è convinta che s’io commettessi una trista azione, la commetterei sempre quando un amore è in me spento; ed il nuovo non è per anche racceso: e nel tempo dell’interregno m’accorgo che il mio cuore fa il sordo — e mi concede a stento sei soldi da far elemosina alla miseria: però mi sollecito a rompere questo gelo — è il raccendermi e il risentirmi pieno di generosità e di benevolenza è tutto un punto: e farei di tutto, per tutti, e con tutti; purchè mi persuadessero ch’io non farei peccato.

— Ma, e queste parole — sono certamente più a lode della passione — che mia.


  1. L’autore serbava la borsa nel taschino delle sue brache; però dianzi, quando vide il frate, lo abbottonò.