Pagina:Vita di Dante.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


era terra di Chiesa; e fu seppellito lungo il fiume del Verde, ai confini del Regno e di Campagna. Questo però non affermiamo; ma di ciò rende testimonianza Dante nel Purgatorio." Nel quale, di fatto, Manfredi mostra al Poeta una piaga a sommo il petto,

Poi sorridendo disse: Io son Manfredi,
nipote di Gostanza Imperadrice;
ond’io ti prego che, quando tu riedi,

Vadi a mia bella figlia, genitrice
dell’onor di Cicilia e d’Aragona,
e dichi a lei il ver, s’altro si dice.

Poscia ch’i ebbi rotta la persona
di due punte mortali, io mi rendei
piangendo a quei che volentier perdona.

Orribil furon li peccati miei;
ma la bontà infinita ha sì gran braccia,
che prende ciò che si rivolve a lei.

Se ’l Pastor di Cosenza, ch’alla caccia
di me fu messo per Clemente, allora
avesse in Dio ben letta questa faccia,

l’ossa del corpo mio sarieno ancora,
in co’ del ponte,