Pagina:Vita di Dante (Tiraboschi).djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
10 VITA DI DANTE

mani del Comun di Firenze, furon condennati ad essere arsi vivi. Di questa circostanza e di questo monumento, sconosciuto finora ad ogni altro scrittore della Vita di Dante, io son debitore alla singolar gentilezza dell’eruditissimo conte Lodovico Savioli senatore Bolognese, che avendolo scoperto nell’archivio della Comunità di Firenze l’anno 1772 ne fece trarre autentica copia, e io credo di far cosa grata a’ miei lettori publicando in piè di pagina questo pregevolissimo monumento1. Se Dante fosse vera-

  1. Nos Cante de Gabriellibus de Eugubio Potestas Civitatis Florentie infrascriptam condemnationis summam damus et proferimus in hunc modum.
    Dominum Andream de Gherardinis.
    Dominum Lapum Salterelli Judicem.
    Dominum Palmerium de Altovitis.
    Dominum Donatum Albertum de Sextu Porte Domus.
    Lapum Dominici de Sextu Ultrarni.
    Lapum Blondum de Sextu Sancti Petri majoris.
    Gherardinum Diodati Populi S. Martini Episcopi.
    Cursum Domini Alberti Ristori.
    Junctam de Biffolis.
    Lippum Becchi.
    Dantem Allighierii.
    Orlanduccium Orlandi.
    Ser Simonem Guidalotti de Sextu Ultrarni.
    Ser Ghuccium Medicum de Sextu Porte Domus.
    Guidonem Brunum de Falconeriis de Sextu S. Petri.
    Contra quos processimus, et per inquisitionem ex nostro Officio