Pagina:Vittorio Adami, Varenna e Monte di Varenna (1927).djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

secolo xviii 283

gresso che chiameremo di Varenna, venne anche stabilita la tangente di ciascun comune per concorrere alla spesa di lire 10,000 stabilite per la sistemazione in parola. I comuni dovevano pagare le loro quote al cassiere Giacomo Venino, che aveva eletto la sua residenza a Milano od in sua vece a Francesco Antonio Aureggio residente in Varenna1.

Varenna come tutte le altre località del lago venne tormentata nel 1772 da incessanti dirottissime pioggie, e da un’inondazione di una gravità forse senza precedenti, che durò dalla fine di maggio alla fine di giugno.

In una relazione dell’anno 1769 si legge:

«Trovandosi la strada regia che da Lecco conduce al forte di Fuentes in due luoghi del tutto rotta e impraticabile e cioè tra Fiume Latte e Varena, ed al ponte detto Olivedo vicino a Varena per innondazione seguita nell’anno scorso 1768...». Dalla stessa relazione si desume come il torrente Esino che forma la divisione tra il comune di Perledo e quello di Varena fosse allora chiamato torrente Olivedo.

Incendio. — Il giorno 17 del mese di gennaio dell’anno 1752 nella ricorrenza di Sant’Antonio, un terribile incendio scoppiava in Varenna distruggendo molte case. Il fuoco attaccò anche la casa del Parroco, e fu appunto in quell’occasione che andò distrutto parte dell’archivio parrocchiale. Due anni dopo e cioè nel 1754, a ricordo di così grave sciagura, il popolo decise di fare ogni anno, nel giorno di Sant’Antonio, speciali devozioni, la cerimonia religiosa è ancora in vigore oggi ed il comune continua a pagare L. 14,85 all’anno per un ufficio e messa in canto2.

Carestia. — Abbiamo memoria di una grande carestia nel 1765. Giov. Battista Giovio nelle sue lettere Lariane, scrive che le popolazioni dovevano nutrirsi di castagne selvatiche (Lettera 18a).

Scoscendimenti. — Nel 1776 si staccò dal monte sopra Caravino un enorme masso, che rotolando finì col fermarsi sul piano dell’orto della casa del Parroco. Fu mandato in pezzi a spese della comunità.

Un altro grosso masso si staccò dal monte superiore alla terra di Fiume Latte nel 1777 ed è precipitato presso l’imboccatura del torrente omonimo. Questo enorme masso poco alla volta incominciò a muoversi e scendere, e già minacciava di precipitare verso il lago ad abbattere il sottostante ponte in pietre, sul quale passava l’unica strada che da Varenna conduce a Fiume Latte, quando nel 1779 il comune di Varenna decise di distruggerlo mediante mine.

Nubifragio — Un fortissimo nubifragio si abbattè su Varenna il 2 luglio 1779 interrompendo la strada comunale che da Varenna conduce a Bellano. Dalla supplica che 11 comune di Varenna invia a Milano perchè

  1. A. S. M. Acque. Parte antica. Cartella 258.
  2. Da memorie parrocchiali.