Pagina:Vivanti - Sorella di Messalina.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 annie vivanti


Varcato il ponte, Alberto sostò.

Alla sua sinistra, ecco, si ergeva, vagamente illuminata, la tettoia della stazione...

Allora egli volse a destra, affrettando il passo.


Correva adesso. Un trillìo gli percorreva le membra, quell’acuto trillìo che precede la vietata gioia, quel trillìo sottile che accompagna la rinuncia allo sforzo, il soccombere alla tentazione, e la certezza dell’imminente piacere.

Ecco il viale silente... ecco la casa. Con mano tremante il giovane trasse di tasca la chiave del portone.

La serratura stridette; la porta cigolando s’aprì... E si richiuse.