Pagina:Vivanti - Vae Victis, Milano, Quintieri, 1917.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Claudio Brandès, un bell’uomo, d’una quindicina d’anni più vecchio della sorella Chérie, corse ad aprire lo sportello con un’esclamazione di sollievo. «Ah, sia lodato Iddio, siete qui», disse, alzando Mirella tra le braccia come se fosse una bambina piccola e portandosela sulla spalla. «E così? State bene?... Avete tutto? Andiamo!» E si avviò lungo la piattaforma a passi così rapidi che Chérie e Frida stentavano a tenergli dietro. «Oh, Mademoiselle», diss’egli volgendosi a Frida, «se avete lo scontrino dei bagagli, datelo a Fritz».

«Oui, Monsieur le Docteur,» rispose Frida fermandosi a frugare nella borsetta. Indi si volse e si guardò intorno in cerca del domestico, Fritz, ch’ella non aveva ancora scorto.

Fritz Hollaender («Hollaender di nome e Hollaender di nazionalità», com’egli soleva dire di sè ogni volta che faceva una conoscenza nuova) uscì improvviso dall’ombra e le fu davanti. Le prese di mano il foglietto senza rispondere al timido saluto di lei; nè parve accorgersi dello sguardo interrogante ch’ella gli fissava in volto. Senza una parola girò sui tacchi, e la sua massiccia figura scomparve tosto nell’androne dei bagagli.

La piccola comitiva era già all’uscita della stazione