Pagina:Volpini - 516 proverbi sul cavallo.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Pregi e difetti. 145

troppo illuminata (la qual cosa alla sua volta ha non pochi inconvenienti) tormentato dalle mosche, che non può pararsi colla sferzate di coda, si infastidisce, si irrita ed alle volte deperisce nello stato di nutrizione.

31. Correre e camminare ogni cavallo lo sa fare.

Proverbio del XVI secolo, riferito dal Caracciolo nel suo libro La gloria del cavallo, che vale a significare nessuna difficoltà trovarsi in ciò che è naturale.

32. Da caval che inciampi, Dio ti scampi, ed anche:

Guardati da caval che scapuzzi.

Il cavallo che per costante debolezza delle membra anteriori, ad ogni poco inciampa, minaccia di cadere, e realmente cade, ponendo sè stesso ed il cavaliere in grave pericolo, è una disgrazia, dalla quale è da pregar Dio che ci scampi.

33. Di puledro scabbioso, alle volte hai cavallo prezioso, ed i tedeschi:

Aus klattrigen Fohlen werden die schönsten Hengste, ed i francesi:

Méchant poulain peut devenir bon cheval, oppure:

De poulain rogneux devient souvent un cheval précieux.

Dicesi di quelli che da giovani fanno delle scappate e fatti poi adulti riescono galantuomini e di genio.