Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

103

quale dirò solo che Israele ha dunque talora dimenticato Dio, mentre il Romano non lo ha mai conosciuto; il paragone dunque non regge.

Il tuo amico, — il tuo amico d’una volta, — ci rimproverò — se bene intesi, — la mancanza di poeti, artisti e guerrieri; col che volle significare che noi non abbiamo avuto grandi uomini, un altro dei segni di cui parlo. Per comprendere bene questa accusa è necessario premettere una definizione. Un grande uomo, o mio figlio, è uno che nella sua vita dimostra di esser stato protetto, se non chiamato da Dio. Il Signore adoperò un Persiano per punire i nostri padri apostati, riducendoli in cattività; un altro Persiano fu eletto per ricondurre i loro figli in Terra Santa; più grande di entrambi, però, fu il Macedone per opera del quale fu vendicata la devastazione della Giudea e la rovina del Tempio. Lo speciale merito di questi uomini fu che ciascuno di loro fu scelto dal Signore per eseguire un disegno divino; nè scema la loro gloria pel fatto che furono pagani. Tieni presente questa definizione mentre procedo.

Vi è un’opinione, secondo la quale la guerra costituisce la più nobile occupazione dell’uomo, e che antepone la gloria dei campi di battaglia a tutte le altre. Non ti inganni questa comune opinione del mondo. E’ una legge che finchè vi sia qualche cosa che non intendiamo, noi dobbiamo adorarla. La preghiera del barbaro è un urlo di paura di fronte alla forza, la sola qualità divina che egli arriva chiaramente a concepire; d’onde la sua fede negli eroi. Che cosa è Giove se non un eroe Romano? La grande gloria dei Greci è d’aver posto pei primi l’Intelligenza sopra la Forza. In Atene l’oratore e il filosofo furono più venerati del guerriero. L’auriga e il corridore veloce sono ancora gli idoli dell’arena, ma le corone di semprevivi sono riserbate al più dolce cantore. Sette città si contesero l’onore di aver dato i natali ad un poeta. Ma l’Elleno non fu il primo a negare la vecchia fede barbarica. No, mio figlio; quella gloria è nostra: Dio si rivelò ai nostri padri; nella nostra religione l’urlo della paura ha ceduto il posto all’Osanna e al Salmo. Così l’Ebreo ed il Greco, alla testa dell’umanità, l’avrebbero condotta sempre più in alto ed avanti. Ma, ahimè! L’ordinamento del mondo poggia sulla guerra come sopra una condizione eterna. Perciò, sopra l’Intelligenza, e sopra Dio, il Romano ha innalzato il suo Cesare, la concentrazione di tutta la potenza conseguibile, la negazione di ogni altra grandezza.