Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

105

degli uomini non siano state conservate in qualche modo e colorite dall’influenza divina? che il loro genio, anche dopo tanto lasso di secoli, non ritenga in sè qualche scintilla celeste?» —

Per qualche tempo il silenzio della stanza non fu rotto che dal fruscìo del ventaglio.

— «Nell’arte scultoria e della pittura, proseguì.» — — «Israele non ha avuto cultori.» —

La confessione era fatta con rammarico, perchè dobbiamo ricordare che essa apparteneva alla setta dei Sadduei, la fede dei quali, a differenza di quella dei Farisei, permetteva l’amore per il bello in tutte le sue forme e manifestazioni, indipendentemente dalle sue origini.

— «Pure, chi non vuol condannarci ingiustamente.» continuò, «non deve dimenticare che l’abilità delle nostre dita fu contenuta dal divieto: «Tu non farai per te alcuna figura scolpita, o la immagine di chicchessia,» il che i Sopherim malvagiamente estesero oltre lo spirito della disposizione. E neppure dobbiamo dimenticare che molto tempo prima che Dedalo apparisse nell’Attica e con le sue immagini di legno trasformasse la scoltura in modo da rendere possibili le scuole di Corinto e di Egina e i trionfi del Pecile e del Campidoglio, molto tempo prima di Dedalo, dico, due Israeliti, Bezaleel ed Aholiab, i mastriartefici del primo tabernacolo, rinomati per la loro perizia in tutti i rami dell’arte, foggiarono i cherubini che troneggiavano sopra l’arca. D’oro battuto, non cesellato, erano fatte quelle statue, divine insieme ed umane nell’aspetto. «Ed esse stenderanno le loro ali dall’alto.... e i loro volti si guarderanno....» Chi nega che fossero bellissime? o che non fossero le prime statue?» —

— «Ora comprendo perchè i Greci ci hanno sorpassato,» — disse Giuda, con profondo interesse.» — E l’Arca? Maledetti siano i Babilonesi che l’hanno distrutta!» —

— «Non dir così, Giuda; sii credente. Non fu distrutta, solo andò perduta, nascosta troppo bene in qualche caverna nei monti. Un giorno, — Hillele e Sciammai lo assicurano entrambi, — un giorno, quando il Signore vorrà. sarà trovata, ed Israele danzerà davanti ad essa, cantando come nei tempi andati. E quelli che allora guarderanno in volto i cherubini d’oro, quantunque si siano già beati dell’aspetto della marmorea Minerva, saranno pronti a baciare la mano dell’Ebreo, per amore del suo genio sopito pel corso di tante migliaia d’anni.» —