Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



LIBRO PRIMO





CAPITOLO I.


Jebel es Zubleh è una catena di monti dell’estensione di oltre cinquanta miglia ma così breve in larghezza da figurare sulle carte geografiche come un misero bruco che segua, strisciando, la sua via, dal Nord al Sud. Essa sta, immobile, eretta sulle sue rupi rosse e bianche, guardando verso il disco pallido del sole nascente, e dalle sue vette si scorge solo il deserto dell’Arabia, dove i venti dell’est, così dannosi ai vigneti di Gerico, hanno, fin dai tempi più remoti, creato un campo propizio alle loro orribili battaglie. Le falde della catena del Jebel son ricoperte da uno strato fitto di sabbia lasciatevi dall’Eufrate, e destinate a rimanervi, essendo essa una linea di divisione alle praterie di Moab e Ammon all’ovest, praterìe che, una volta, facevan parte del deserto.

L’arabo si parla in tutto il sud e in tutto l’oriente della Giudea: epperò, in lingua araba, Jebel significa letto d’innumerevoli canali, che, interrompendo la strada Romana — ora un semplice sentiero a paragone di una volta — strada polverosa per i pellegrini siriani provenienti dalla Mecca o diretti ad essa, formavano dei solchi, approfondentisi sempre più nel loro corso, e riversanti i torrenti nella stagione piovosa, nel Giordano, oppure nel Mar Morto.

Da uno di questi canali, e più precisamente da quello che nasce ai piedi del Jebel e si estende in direzione nord-est, si forma il letto del fiume Iablok; per questo letto